Mar 012014
 

Palma è lei, Palma Bucarelli. A scriverle oggi è una giovane studentessa.

 Palma con cappello

Cara Palma, perché a scuola nessuno mi ha mai parlato di te?

Perché a noi ragazze del terzo millennio non raccontano la storia della tua vita e delle tue passioni?

Ora finalmente ti conosco e mi affascini: gelida, bellissima, superba.

vlcsnap-2014-01-02-13h34m17s137

La sartoria delle sorelle Botti, cuce per te i vestiti delle grandi occasioni come quello che indossavi nel ’49 al ballo dei Nastri, insieme a gioielli in topazio e oro pallido di Masenza, o come l’abito color corallo col quale ti presentasti al Quirinale, con tanto di cappa in damasco con fili d’oro e d’argento.

Camilla Cederna diceva di te che eri la donna più elegante d’Italia.

palma da sera

Dalla Galleria d’Arte Moderna a Roma governavi, temuta, desiderata, odiata, le sorti dell’arte italiana.

palma davanti gnam

 

Qualcuno ti chiamava Palma e sangue freddo, ma in tanti, perfino gli ottusi burocrati che ti negavano i finanziamenti, ti rendevano omaggio. Gli artisti, poi, ti adoravano. Savinio ti regalò un ritratto che amavi molto.

palma savinio

Cara Palma, quello che vedo nelle donne intorno a me spesso è solo l’esibizione di una falsa libertà, fatta di centimetri di pelle messi in mostra; con te, scopro che la mondanità, lo sport, gli uomini si conciliano con la disciplina e lo studio, se vissuti con uguale passione.

E tu sei stata una donna appassionata, sempre.

vlcsnap-2014-01-02-13h36m48s74

Anche nel ’43, quando di notte, sotto i bombardamenti guidavi le spedizioni verso Caprarola, al palazzo Farnese, dove avevi trovato un rifugio per le tue opere d’arte: temevi più delle bombe i tedeschi, che a Roma città aperta, potevano entrare e saccheggiare la tua galleria.

Nel 1959, poi, imponevi l’arte astratta di Pollock e di Kandinskij e avevi il coraggio di esporre “Il sacco grande di Burri”.

palma e argan alla gnam

 

Contro di te interrogazioni parlamentari, proteste di politici e intellettuali, cattolici e comunisti uniti. Guttuso ti bollava con un duro articolo: “La dittatura dell’arte astratta”.

Cara Palma fra tutte le opere prestigiose che hai comprato per il “tuo” e “nostro” museo, tra Modigliani, Mondrian, Manzoni…. io preferisco questa scultura di Giacometti, “La grande donna”.

E’ di bronzo, dunque solida; ma leggera, fragile, femminile.

vlcsnap-2014-01-02-13h40m43s144

Un po’ come ti immagino io, Palma, lanciata sulle strade d’Europa alla guida della tua Granluce cabriolet, con il tuo amato inseparabile cagnolino, sul sedile accanto.

palma in macchina

Anche tu, Palma, come tante donne in bilico tra cuore e ragione.

Lo dicevi bene tu: “Mi spaventava il pensiero di essere legata per tutta la vita; la verità era il timore che marito e soprattutto figli, mi impedissero di occuparmi d’altro”.

vlcsnap-2014-01-02-13h38m21s5

 

Palma Bucarelli è stata dal 1942 al 1975 la direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.

Il 7 marzo, all’Archivio Centrale dello Stato, in anticipo di un giorno sull’8 marzo la ricordiamo anche con un documentario: “Suite per Palma” di Christian Angeli e Raffaele Simongini, prodotto da Magazzini Einstein.

7 marzo. 9.30 – 13.30, piazzale degli Archivi, 27, Roma. Vi aspetto!

 

 

  2 Commenti to “Lettera a Palma”

  1. magari!!! mi piacerebbe tanto assistere al docu-film, a celebrazione di una persona, di cui, fino a pochi anni fa, non conoscevo neanche l’esistenza. Pur non essendo un’estimatrice – etimologicamente parlando, non avendone la competenza – dell’Arte Moderna, ho invidiato la nostra “Peggy”.
    L’ho invidiata, ma non con quel sentimento figlio della frustrazione, ma dell’ammirazione per un’ icona, quasi un’ eroina per il suo tempo.
    Purtroppo non sono riuscita a ritrovare su Magazzini Einstein la “suite per Palma”: peccato!
    Ciao Paulett…… non ho potuto resistere all’orgoglio di poter dire : “ciao Paulett”

  2. Molto bello questo articolo, lo leggo con un po’ di ritardo, ma ciò non mi impedisce di ammirarlo, anche io mi chiedo perchè a scuola non ci abbiano fatto studiare un personaggio come Palma Bucarelli.

Spiacente, I commenti sono chiusi al momento